Xbox Serie X: le specifiche confermate da Microsoft

background

Microsoft rilascerà la sua console di nuova generazione Xbox Serie X in tempo per il Natale di quest’anno. I fan del marchio lo sanno, e probabilmente si sono messi il cuore in pace, aspettando novità solo per Settembre, forse anche più tardi. Invece l’azienda di Redmond ha sorpreso tutti, rilasciando le specifiche della nuova Xbox giusto ieri.

L’immagine qua sopra riassume in poche parole il passo in avanti per le console di nuova generazione, ma nel post intitolato “Cosa aspettarsi dalla prossima generazione di gaming” Microsoft dimentica l’austerità di questa foto, e canta gloriosa tutte le innovazioni tecnologiche portate avanti dal suo team di sviluppo. Ma vediamo se ci riesce di leggere in mezzo alla retorica, per ottenere un’idea precisa di come sarà questa nuova Xbox Serie X (di cui abbiamo avuto, e molto probabilmente avremo, modo di parlare ancora parecchio).

Xbox Serie X: sarà davvero un salto generazionale?

Partiamo dai dati lasciati da Microsoft nel suo post, volutamente vago. Il processore che muoverà Xbox Serie X sarà sviluppato da AMD, basato sull’architettura Zen 2 e RDNA 2. Senza entrare troppo nei dettagli (anche perché le RDNA 2 devono ancora arrivare), avremo quindi sia CPU che GPU con tecnologia a 7 nanometri, pensate per il gaming, ed il massimo della tecnologia che AMD potrà offrire quest’anno.

Queste componenti dovrebbero riuscire a fornire prestazioni da 12 TeraFLOPS, quindi due volte migliori di quelle di Xbox One X, e otto volte meglio della Xbox One originale. Questo dovrebbe offrire framerate migliori e la possibilità di mondi digitali enormi, che avranno ben poco da invidiare anche ai PC più performanti.

xbox serie x

La tecnologia VRS (Variable Rate Shading) permetterà di usare in maniera più fluida i cicli della GPU, permettendo la creazione di ambienti digitali che sfruttano diversi effetti, consentendo una risoluzione migliore a parità di potenza di calcolo. Il DirectX Raytracing, già usato sui PC, arriva per la prima volta su una console, e dovrebbe significare una migliore resa degli effetti di luce e suono.

Inoltre, l’HDMI 2.1 permetterà di ridurre al minimo la latenza con qualsiasi schermo (con una tecnologia chiamata Auto Low Latency Mode, ALLM), sincronizzando anche il refresh rate del gioco con quello dello schermo (con Variable Refresh Rate, VRR).

Infine, arriva il supporto ai 120 fps, raddoppiando i 60 fps della generazione di console attuale.

Microsoft si aspetta molto dal suo SSD

La nuova generazione di SSD sarà, a quanto dice Microsoft, un punto di svolta per l’esperienza dei gamers su Xbox Serie X. Essa renderà possibile mondi di gioco più grandi e dinamici, e più responsivi. Infatti dovrebbe diminuire di parecchio i tempi di caricamento della mappa, riducendo drasticamente i tempi di attesa.

L’SSD consentirà inoltre l’opzione “Quick Resume”, che potrà farti riprendere il gioco immediatamente, senza bisogno di schermate di caricamento. Inoltre Microsoft ha lavorato per ridurre i tempi di latenza fra il controller e il gioco, con Dynamic Latency Input (DLI), una tecnologia che dovrebbe rendere la risposta vista in schermo del tutto istantanea.

xbox serie x controller

Xbox Serie X: le novità nei servizi

Oltre alle novità hardware, con la nuova generazione arrivano anche novità nei servizi per i videogiocatori.

Inanzi tutto, su Xbox Serie X si potrà giocare a tutti i giochi Xbox. Quindi non solo la One, ma anche la 360 e l’Xbox Originale. E visto il nuovo hardware, aspettatevi caricamenti rapidissimi e framerates più stabili. Inoltre, tutti gli accessori di Xbox One saranno compatibili con la console di nuova generazione.

Smart Delivery invece, significa che una volta comprato un gioco, potrai giocarlo sia su Xbox One che Xbox Serie X. Questo succederà su tutti gli Xbox Game Studios (compreso Halo Infinite, fanno notare strizzando l’occhio), ma tutti gli sviluppatori avranno accesso alla tecnologia.

halo infinite

E ovviamente Microsoft continua a promuovere il suo Xbox Game Pass, senza contare che pare sia pronta a lanciare xCloud quest’anno, per competere con le altre piattaforme di game streaming, fra cui soprattutto Stadia.

Non so se Microsoft riuscirà a tenere vibrante l’attesa per Xbox Serie X fino a Natale, ma di sicuro queste novità faranno discutere animatamente i videogiocatori di tutto il mondo. Anche se non abbiamo ancora tutti i dettagli su PS5, il dibattito sulle console sarà molto probabilmente il centro di ogni discussione di ogni gamer per il 2020.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
9 Settembre 2020
Google Maps torna su Apple Watch dopo tre anni dall’abbandono
Leggi
Image
21 Luglio 2020
Snapchat lancia le sue mini app
Leggi
Image
10 Luglio 2020
Spotify, e altre app iOS bloccate a causa di un problema di Facebook
Leggi