Puoi usare i codici promozionali dei podcast su Spotify con un tocco

background

Spotify sta testando una nuova funzione che permette di toccare un link sulla pagina del vostro podcast preferito, portandovi subito allo shop del prodotto che sponsorizza la puntata e inserendo i codici promozionali per gli ascoltatori.

Spotify semplifica il modo per usare i codici promozionali dei podcast

Chi ascolta (e adora) i podcast si è abituato a sentire le proprie “voci preferite” sponsorizzare qualche prodotto, elargendo codici promozionali con sconti per i podlisteners. Ma se come noi li ascoltate pedalando in bicicletta o reggendovi in metropolitana, non avete modo di segnarvi la serie di lettere e numeri che puoi farvi risparmiare qualche euro. E sostenere i vostri podcaster preferiti.

Spotify sta sperimentando un modo per cambiare questa situazione: la pubblicità interattiva. Dal punto tecnico non è un’idea nuova: semplicemente è un link con i codici promozionali nella pagina di Spotify del podcast che state ascoltando. Ma è un ulteriore indice del fatto che l’azienda di streaming musicale crede molto nel potenziale dei podcast. E che ha intenzione di aiutare i creatori di contenuti a monetizzare i propri sforzi.

Il primo test userà i codici promo di Harry’s nel podcast Last Podcast on the Left negli Stati Uniti e quelli di Hello Fresh per il podcast tedesco Herrengedeck.

 

Il fatto che Spotify riempia i podcast di pubblicità interattiva è… positivo?

Spotify ha lanciato la sua tecnologia per inserire pubblicità nei podcast, Streaming Ad Insertion (SAI), a gennaio. Inserisce pubblicità negli show usando le preferenze e i cookies degli utenti. SAI è solo per i podcast prodotti direttamente da Spotify e solo negli Stati Uniti e per alcune aziende in Germania.

Inserire i codici promozionali nei podcast su Spotify invece richiede una partecipazione diretta dei creatori. Infatti sono loro a dover stipulare contratti e ottenere i codici promozionali. Spotify si limita a rendere più comoda la fruizione per gli utenti.

Se anche l’inserimento di pubblicità può rovinare la nostra esperienza utente, dobbiamo inserirla nel contesto del mercato dello streaming. Più pubblicità significa che i creatori possono guadagnare di più, investendo nei contenuti. Qualcuno potrebbe comunque continuare a non usare i codici promo e affidarsi ad esempio alle donazioni su Patreon. Avere più possibilità di guadagno potrebbe però portare sempre più podcast di qualità nelle nostre orecchie.

E se i codici promozionali su Spotify ci faranno risparmiare qualche euro su un corso online o le lamette da barba, poco male.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
1 Luglio 2020
Waze: la nuova interfaccia per i 130 milioni di utenti
Leggi
Image
26 Giugno 2020
Microsoft avrà una seconda Xbox di nuova generazione
Leggi
Image
22 Giugno 2020
Apple Watch avrà l’analisi del sonno con watchOS 7
Leggi