Redfall è il nome del nuovo The Elder Scrolls 6?

background

Ho passato moltissime ore coperto dall’ombra, aspettando il momento giusto per muovermi con passo felpato, silenzioso, per passare il mio pugnale sulla gola della mia vittima. Ah, ed ero un gatto antropomorfo, un Khajiit.No, non sono un maniaco omicida, con la passione per vestirmi come nel musical Cats. Sono un appassionato della migliore serie di videogiochi open world di sempre: The Elder Scrolls.

The Elder Scrolls è la mia serie di videogiochi preferita, se non si era capito

I miei genitori, quando iniziai le superiori, pensarono fosse il caso di comprare un computer degno di questo nome, sicuri che lo avrei utilizzato solamente per arricchire la mia cultura, sfruttando tutta la potenza di calcolo per studiare. Io invece mi procurai una copia di Oblivion, il quarto capitolo della saga di The Elder Scrolls. Ho dedicato molto più tempo alla Gilda dei Ladri che a biologia. E in effetti, sono diventato la Volpe Grigia, e non uno scienziato.

E sebbene abbia comprato anche un capitolo di Fifa per giocare con i miei amici, il vero motivo per cui ho comprato una PlayStation 3 è perché Skyrim non meritava di essere giocato sul mio misero notebook. Non ho mai giocato a niente di così coinvolgente. Ho dedicato ore infinite alla Confraternita Oscura e alle Quest Daedriche, senza pentirmene per un momento. Di recente abbiamo pubblicato un articolo sulla dipendenza da binge watching: io ero dipendente da binge gaming, e non lo faccio mai (davvero, sono un gamer quanto Maurizio Costanzo è un atleta).

Il mondo fantasy di Bethesda non è solamente una scusa per schiacciare dei bottoni su un joystick: è un universo completo, con un milione di storie da giocare. Le storie sono talmente tante, che in ogni gioco è possibile leggere qualche centinaio di libri che ne raccontano di altre, complementari a quelle giocabili. Sì, ho letto dei libri dentro un videogioco: questo è essere un geek hardcore.

E non c’è solo la trama complessa, da scoprire un pezzo alla volta e ricostruire come un puzzle. C’è la grafica che rimane all’avanguardia per tre-quattro anni dopo l’uscita del gioco (la versione rimasterizzata è splendida anche adesso); il mondo che è totalmente esplorabile e magnifico; la libertà pressoché totale di azione, tanto che online è pieno di gente che affronta interi gameplay facendo il contadino o il mercante.

Skyrim è splendido da guardare, ancora

Chi si annoia, può fare hiking in montagna. Nessun dolore alle ginocchia

Se non avete mai provato a giocare a Skyrim (anche se dubito che qualcuno che non ci ha mai giocato possa aver sopportato fin qui questa sviolinata), provate la versione rimasterizzata. Poi ditemi nei commenti quanti giochi superano in qualità questo capolavoro. Del 2011.

The Elder Scrolls V: Skyrim

Quindi, che voi lo abbiate provato o no, potete immaginare il mio stato emotivo quando trapela qualche notizia, per quanto vaga, sull’unica serie di videogiochi che per me conta qualcosa.

The Elder Scrolls 6 arriverà: ma si chiamerà davvero Redfall?

Quest’estate Bethesda Softwork (che produce anche Fallout) ha annunciato il nuovo episodio della saga con un trailer di pochissimi secondi. Fra tutte quelle milioni di visualizzazioni, almeno un migliaio sono mie.

Si vede solamente uno zoom aereo su una terra che non abbiamo mai visitato (nel primo gioco della serie, Arena, uscito nel 1994, si è visitata un po’ tutta Tamriel, ma con pixel grandi metà schermo). Ma è bastato a far speculare tutta la numerosa comunità di fan online.

Già in questo (fin troppo) esaustivo articolo di eurogamer.net si era ipotizzato la possibile location del nuovo capitolo della saga: Hammerfell, terra natia dei Redguard, la popolazione con la pelle bruna del mondo di TES. Sebbene, insieme ad High Rock, questa regione di Tamriel fosse esplorabile nel secondo gioco della serie Daggerfell, sembrava una location possibile, visto che sono passati più di vent’anni, venticinque quando il gioco uscirà. E dato che gli ultimi tre capitoli avevano il nome del luogo più esplorato nel gioco stesso (Morrowind e Skyrim sono regioni del continente Tamriel, mentre Oblivion è un “piano daedrico”, raggiungibile con portali magici. Ok, forse questo non è facilmente spiegabile come pensavo), si aspettava che The Elder Scrolls VI si chiamasse Hammerfell.

Invece, il 10 Settembre, Zenimax Media, compagnia madre di Bethesda, ha depositato il nome Redfall.

L'atto di trademark per Redfall (da multyplayer.it)

L’atto di trademark per Redfall (da multyplayer.it)

All’inizio ha lasciato tutti un po’ spiazzati, questo nome. Ma come riporta quest’altro articolo di screenrant.com, forse è una conferma di quanto già sapevano: il titolo potrebbe riferirsi direttamente ai Redguard, e alla loro terra natia di Hammerfell. Qualcuno ha ipotizzato che si possa riferire al fatto che, nella trama di Skyrim, i Redguard si erano schierati contro l’impero, perché non accettavano il Concordato Bianco-Oro (non voglio spoilerare, ma se non sapete di cosa parlo, dovete tornare a giocare a Skyrim. Per favore!). Questo nome potrebbe quindi riferirsi alle conseguenze di quel gesto, e parlare di una guerra persa da Hammerfell. TES è nota per le sue trame politiche, e questa idea si inserirebbe perfettamente nella tradizione.

Ma quando arriverà Redfall

Ammesso e non concesso che abbiamo azzeccato il nome, Redfall dovrebbe vedere la luce fra parecchio tempo. Bethesda si sta dedicando al nuovo Fallout, ed altri progetti (non altrettanto emozionanti), e pare che dovrebbero rilasciarlo per la prossima generazione di console. Di positivo c’è che Sony pare stia già lavorando alla Ps5. Positivo è anche che, almeno fino al 2020, posso avere la possibilità di avere una vita sociale.

Ma i miei giorni da Khajiit stanno per tornare. Non vedo l’ora. Se volete urlare anche voi quanto siete eccitati, fatelo nei commenti!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
9 Settembre 2020
Google Maps torna su Apple Watch dopo tre anni dall’abbandono
Leggi
Image
21 Luglio 2020
Snapchat lancia le sue mini app
Leggi
Image
10 Luglio 2020
Spotify, e altre app iOS bloccate a causa di un problema di Facebook
Leggi