background

Recensione // Powerbeats Pro: le cuffie perfette?

13 Maggio 2019 in News

Una collaborazione tra Beats, una società specializzata in audio, e Apple, un’azienda specializzata in qualità e design non può che produrre grandi cose. Ecco le Powerbeats Pro.

Powerbeats Pro è il nuovo set di auricolari a marchio Beats di Apple. Sono i primi del loro genere della linea Beats in quanto sono le prime cuffie di tipo wireless. Poiché Beats ne capisce davvero tanto di audio e Apple realizza prodotti di alta qualità, l’unione delle due squadre che imparano l’uno dall’altro da vita ad un prodotto un incredibile. Un paio di cuffie in-ear che hanno un grande appeal per i fan della musica. Vi lascio il link al sito ufficiale qui.

Le Powerbeats Pro sono fantastiche, ma perché le Powerbeats Pro sono così impressionanti? Cosa le distingue dagli altri auricolari? Questo è quello cercheremo di spiegarvi in questo articolo. Raccogliendo domande che le persone stanno facendo e ricercando.

Foto: imore

Questi auricolari sono per persone che vogliono:

  • Un’esperienza audio incredibile con gli auricolari
  • Cuffie davvero senza fili
  • Uso indipendente di gemme sinistra / destra
  • Accoppiamento rapido e commutazione del dispositivo
  • Qualsiasi altro colore rispetto al bianco
  • Lunga durata della batteria
  • Un’opzione auricolare sportiva
  • Resistenza sudore / acqua
  • Varietà nelle opzioni di adattamento dell’orecchio
  • Supporto Siri a comando vocale

Non per le persone che non vogliono:

  • Cuffie over-the-ear o intorno all’orecchio
  • Design minimale per auricolari
  • Aspetto iconico di Apple
  • Un gancio per l’orecchio
  • Una piccola custodia per il trasporto
  • Ricarica senza fili

Powerbeats Pro

Il suono delle Beats reinventato: niente più bassi pesanti

La prima domanda, e la domanda più frequente, che si fa quando si parla di Powerbeats Pro è sempre: Ma come sono i bassi? La risposta breve è un “non troppo!”.

Innanzitutto, iniziamo solo con un po’ di background. Beats è stata fondata nel 2008 dal famoso rapper Dr. Dre e Interscope, cofondatore di Jimmy Iovine. La compagnia ha sviluppato cuffie che erano intenzionalmente con bassi molto accentuati perché progettate per l’hip-hop. Questo suono era rivoluzionario e polarizzante. Questo fino ad oggi però: le persone sono cambiate ed è più facile ascoltare stili di musica differenti. È stato fondamentale ripensare le nuove Beats, non dedicandole ad un solo tipo di ascolto.

Per Powerbeats Pro, i sound designer di Beats hanno preso ciò che hanno imparato e l’hanno combinato con la loro comprensione della musica per cambiare completamente la curva di Beats, almeno in questo caso.

Il nuovo driver a pistone lineare nelle cuffie Powerbeats Pro è la forza “trainante” dietro il principale aggiornamento audio. Beats commercializza il driver come un “flusso d’aria potente e consistente in un piccolo pacchetto” con una riduzione del 60% della distorsione armonica totale rispetto al driver utilizzato in Powerbeats 3.

I Powerbeats Pro sono in grado di mantenere bassi i livelli di distorsione a causa di un design di ventilazione acustica che consente un migliore flusso d’aria. Fondamentalmente, la musica non distorce tanto con la musica pesante, come l’hip-hop.

Il fattore confort: sono meglio delle AirPods?

Che le Powerbeats Pro siano più o meno comode di qualsiasi altro modello di auricolare, ovviamente varia da persona a persona.

Vediamo le differenze che possono avere dalle AirPods:

Canal bud vs Earbud

Gli auricolari Powerbeats Pro sono cuffie auricolari in-ear. Ciò significa che si posano nel tuo condotto uditivo. I morbidi auricolari in silicone forniti con Powerbeats Pro sono disponibili in quattro diverse dimensioni per una vestibilità molto personalizzabile. Beats osserva nella sua guida al marketing che sono stati “riprogettati con una migliore forma e morbidezza, per un miglior comfort e tenuta acustica”. Quindi potresti pensare: “Saranno più comode rispetto alle cuffie da inserire nell’orecchio”. Probabilmente è vero.

Ganci vs No gancio

In termini di livello di comfort, i ganci per le orecchie su Powerbeats Pro sono molto flessibili, quindi non premono sul retro dell’orecchio. Inoltre, non sono il modo principale per tenerle dentro l’orecchio. I boccioli non sono così pesanti da cadere senza i ganci in modo da non esercitare una pressione estranea sulla parte posteriore delle orecchie. Alcune persone, proprio come quelle che non sopportano i boccioli dei canali, non avranno un’esperienza positiva.

Preferirei che non ci fossero ganci, come nel caso degli AirPod di Apple? Probabilmente sì. I ganci per le orecchie non sono un problema, ma non sono un’aggiunta gradita. Sono necessari per il design, che è quello di tenere i boccioli nelle orecchie, indipendentemente dal tipo di attività che stai facendo. I ganci per le orecchie fanno questo lavoro molto bene, che ti piaccia il loro aspetto o meno.

L’isolamento acustico non è solo un numero

Gli auricolari Powerbeats Pro sono insonorizzanti (non cancellano il rumore). Per spiegare in modo sintetico, significa che il design degli stessi auricolari blocca o attutisce il suono proveniente dal mondo esterno, al contrario dell’eliminazione del rumore, che utilizza l’hardware reale per eliminare quasi tutto il rumore esterno.

Significa che puoi ascoltare musica mentre falci il prato? Più o meno. Non ho un tosaerba, ma qualcosa di simile. Devo alzare il volume più in alto per ascoltare musica o audiolibri con il motore acceso, ma non a volume pieno. Le Powerbeats Pro abbattono i rumori forti che sentirai intorno a te, ma li sentirai ancora. Poiché gli auricolari entrano nel tuo canale uditivo in modo così profondo, rendono la lunghezza del suono più breve, il che aiuta anche a isolare il rumore.

Nessun ritardo di collegamento

Da quando Apple ha aggiornato il suo chip per cuffie all’H1, c’è stata una significativa riduzione del ritardo percepibile. Mi piace. Questo è comodo quando guardi film e video-giochi.

Le Powerbeats Pro sono state testate con film ricchi di scene ad alto numero di esplosioni. Non è stato notato alcun ritardo, nemmeno con i colpi di fulminatore in Solo: A Star Wars Story.

Per quanto riguarda i giochi, le Powerbeats Pro usate in alcuni giochi a bassa grafica e ad alta reattività audio non hanno mostrato nessun ritardo. Neanche con The Elder Scrolls: Blades. Se sei preoccupato che Powerbeats Pro abbia un impatto negativo sul tuo guardare film o sul gioco, non aver paura. Non c’è lag.

Drop the mic

Powerbeats Pro with the glowing pairing light

Gli auricolari Powerbeats Pro non hanno un microfono posizionato su uno stelo come le AirPods (un design plus per alcune persone). Invece, hanno sensori ottici a lungo raggio, che rilevano quando parli.

Le chiamate sono gestite molto bene. Non si sentono rumori esterni anche se forti e molto vicini.

Cosa possono e non possono fare Powerbeats Pro

Ecco l’elenco di alcune delle cose che gli auricolari possono e non possono fare, per le vostre menti curiose.

  • Il microfono è molto buono.
  • Non è possibile personalizzare i controlli dei pulsanti.
  • Si accoppiano come cuffie Bluetooth standard su qualsiasi dispositivo non Apple (su dispositivi Apple, si accoppiano come per magia).
  • Sono classificati IPX4, il che significa che sono resistenti agli spruzzi da tutti gli angoli, ma non sono resistenti alle correnti d’acqua. Inoltre non sono classificati per polvere e detriti.
  • La custodia di ricarica utilizza una porta Lightning. Il pacchetto viene fornito con un cavo Lightning nero, senza spina di alimentazione.
  • La modalità Sleep viene attivata quando Powerbeats Pro non sono in movimento. Se le metti in tasca, non si mettono in sleep (risparmiando così la carica della batteria).
  • Mentre sono in modalità sleep, scaricano la batteria a circa il 2,5% all’ora.
  • Passare da un dispositivo all’altro è molto veloce: da 1 a 3 secondi.
  • La custodia di ricarica non è pesante, ma è necessario utilizzare entrambe le mani per aprirla (la chiusura del magnete è forte).
  • Probabilmente non puoi usarli mentre lavori, se devi essere in grado di sentire le persone parlare. L’isolamento acustico attenua le voci quando ascolti musica, podcast e audiolibri.
  • Non sono assolutamente comodi per dormire. Anche se dormi sulla schiena, i ganci si intromettono e spingono contro il tuo cuscino, che poi spinge i boccioli contro le orecchie

Conlusioni

Sono incredibilmente comode (anche se per alcuni, i boccioli canalari sono dolorosi), hanno un EQ ricco ed equilibrato per un’esperienza di ascolto straordinaria e restano bene incastrate nelle orecchie.

Il loro unico vero difetto è nella custodia di ricarica, che è più grande di quanto dovrebbe essere e non è particolarmente conveniente. Non c’è modo, in questo momento, di acquistare una seconda custodia di ricarica, quindi non puoi averne una a casa e una extra al lavoro.

Se stavi aspettando un paio di auricolari davvero wireless che hanno il chip H1, ma non sono AirPods, adorerai le Powerbeats Pro.

Se possiedi già un paio di AirPods e ti stai chiedendo se i Powerbeats Pro sono migliori, dipende da cosa ti servono le cuffie. Se hai bisogno che gli auricolari ti rimangano nelle orecchie mentre ti alleni, le Powerbeats Pro sono migliori. Se sei un fan della musica che vuole un suono pieno, ricco e ben bilanciato, le Powerbeats Pro sono migliori. Se si desidera una portabilità estrema con una custodia tascabile, le AirPods sono migliori. Se preferisci un auricolare dall’aspetto minimalista con un’estetica iconica del design Apple, le AirPods sono migliori. Per tutto il resto, AirPods e Powerbeats Pro sono praticamente la stessa cosa, quindi non preoccuparti di questo. Anche le tue AirPods sono quasi perfette. Vi lascio il link al sito ufficiale qui.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
15 Ottobre 2019
Tutti gli annunci dall’evento Pixel 2019 di Google
Leggi
Image
15 Ottobre 2019
Bug di Apple Mail causa perdita di dati in macOS Catalina
Leggi
Image
14 Ottobre 2019
El Camino: il film di Breaking Bad, recensione senza spoiler
Leggi