La nuova Xbox arriva nel 2020, con grafica 8K e SSD

background

Microsoft ha rivelato i primi dettagli della nuova Xbox all’E3. La nuova console arriverà nel 2020, proprio come la rivale Play Station 5 (sulla quale abbia raccolto tutte le indiscrezioni qui) e leggermente in ritardo sul nuovo avversario su cloud pensato a Mountain View, Google Stadia. Ma Microsoft sta preparando, oltre che una nuova versione dell’Xbox One X e della S, anche una nuova Xbox dalle prestazioni al top, nome in codice Project Scarlett.

Le specifiche della nuova Xbox

Microsoft sta preparando una CPU appositamente progettata, basata sulle architetture dei chip AMD Zen 2 e Radeon RDNA. Questo, assicurano, dovrebbe rendere la nuova Xbox fino a quattro volte più potente della One X.

Inoltre, Microsoft utilizzerà memorie RAM di tipo GDDR6, che dovrebbe consentire una risoluzione e un framerate come non abbiamo mai visto prima.

Project Scarlett supporterà giochi anche in 8K, a framerate fino a 120 fps. E poi avrà il ray tracing, che permetterà di rendere la riflessione e la rifrazione della luce in modo estremamente realistico, con effetto cinematografico. Il refresh rate sarà variabile, per garantire una resa perfetta anche con sorgenti diverse.

Ma stando anche a quanto sostengono gli ingegneri Microsoft nel video che linkerò in fondo all’articolo, parte fondamentale del nuovo sistema sarà la memoria SSD. Infatti, sulla nuova Xbox la memoria SSD verrà utilizzata non solo per lo storage, ma anche come “RAM virtuale”. Questo dovrebbe migliorare le performance della nuova console di “quaranta volte” rispetto all’attuale generazione. Ed i giochi si dovrebbero caricare in pochi secondi, accorciando di molto i tempi di attesa.

Oltre a tutte queste specifiche tecniche, Microsoft ha anche annunciato l’arrivo di Halo Infinite per lanciare la nuova Xbox sul mercato.

Meglio la nuova Xbox, Play Station 5 o Google Stadia?

Premetto che in questo paragrafo non potrò rispondere alla domanda che, con ogni probabilità, ossessionerà tutto il mondo del gaming online per i prossimi cinque o sei anni. Ma stando alle specifiche annunciate, la prima conclusione che si  può trarre è che le due console di Microsoft e Sony sono molto simili tra loro. Certo, ci sono differenze nell’hardware, e ce ne saranno ancora di più nel modo in cui quell’hardware lo faranno girare.

Tuttavia, alla base delle due console di nuova generazione ci sono le stesse fondamenta: CPU proprietaria sviluppata con AMD, grafica 8k a 120 fps, SSD. Sarà molto probabile che la scelta verrà fatta, come è successo dai tempi di PS2, per motivi di gusto personale. Ma tutto potrebbe cambiare quando avremo più informazioni sulle console.

Google Stadia è invece un’incognita: conosco qualcuno che ha già scommesso su Stadia, prenotando la Founder’s Edition; ma la maggior parte delle personale aspetterà di vedere i primi gameplay su Youtube per capire se ne vale la pena.

Voi avete già scelto dove schierarvi nelle gaming wars? Vi servono più informazioni? Ve le daremo volentieri, continuate a seguirci!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
1 Luglio 2020
Waze: la nuova interfaccia per i 130 milioni di utenti
Leggi
Image
26 Giugno 2020
Microsoft avrà una seconda Xbox di nuova generazione
Leggi
Image
22 Giugno 2020
Apple Watch avrà l’analisi del sonno con watchOS 7
Leggi