background

Google lancia Programma di Protezione Avanzata

7 Agosto 2019 in News Società

A partire da ieri, Google ha lanciato il Programma di Protezione Avanzata, che permette ad alcuni utenti Google, in particolare giornalisti, attivisti e politici di registrarsi per proteggersi ulteriormente da eventuali download pericolosi fatti con Chrome.

google programma di protezione avanzata sicurezza

(Immagine da TechCrunch)

Per attivare l’opzione, basta iscriversi attraverso questo link, ed abilitare la sincronizzazione di Chrome fra i vari dispositivi (dovrebbe essere già attiva di default). Una volta attivato il Programma di Protezione Avanzata, ogni volta che Chrome individuerà un download potenzialmente dannoso, mostrerà un avviso, o addirittura bloccherà il download.

Secondo Google, questo dovrebbe aiutare contro il malware scaricato attraverso link sconosciuti.

L’account Google sarà più sicuro con Programma di Protezione Avanzata

Il Programma di Protezione Avanzata aumenterà anche lo standard di sicurezza degli account Google. Ad esempio, il programma richiede una doppia chiave di sicurezza per accedere, di cui una funziona come backup.

Una volta registrati, per accedere al proprio Google Account sarà necessario l’uso di una di queste chiavi in aggiunta alla password. Inoltre verrà limitato l’accesso a Gmail, Drive, e a quasi tutte le app Google, oltre ad alcune app prodotte da terze parti. E nel caso doveste smarrire la password, ci saranno step di verifica ulteriore per confermare l’identità di chi richiede il cambio password.

Dopo il programma di Windows di abbandonare progressivamente le password, anche Google sembra essersi resa conta che una sola parola chiave non basta a garantire la sicurezza degli utenti. Specie se sono persone che, per il proprio lavoro, rischiano di essere attaccati dagli hacker con maggior costanza.

E anche dal lato hardware c’è più attenzione sul problema. L’identificazione in due step sta sempre più diventando lo standard della sicurezza, tanto che anche Apple vuole affiancare il Touch ID al Face ID su iPhone. La Silicon Valley sta finalmente considerando la sicurezza degli utenti una priorità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
16 Agosto 2019
Assistente Google manderà promemoria ad amici e familiari
Leggi
Image
14 Agosto 2019
Apple e Spotify in trattativa per potenziare Siri
Leggi
Image
14 Agosto 2019
Spotify darà ai podcasters moltissimi dati utente
Leggi