background

Emmy 2019: tutti i vincitori della festa delle serie TV

23 Settembre 2019 in Mondo Geek

Gli Emmy 2019 hanno celebrato il trionfo di Chernobyl fra le miniserie, di Fleabag e Barry fra le commedie. Insomma, quest’anno ci tocca dire che hanno davvero celebrato il meglio della televisione. E hanno detto addio al Trono di Spade, che quest’anno non ha vinto tutto, ma comunque tanto.

emmy 2019

Il Trono di Spade è ancora la serie più premiata agli Emmy 2019

Certo, molti fan non sarebbero d’accordo nel celebrare quest’ultima stagione del Trono, che molti fan hanno criticato (e sperano Martin faccia di meglio negli ultimi libri). Ma anche quest’anno agli Emmy 2019 Game of Thrones si porta a casa 10 statuette, considerando anche quelle degli “Emmy alle Arti Creative”, che si sono tenuti settimana scorsa (è dove si premiano costumi, fotografia, effetti speciali, ecc.).

Dieci Emmy è quanto avevano portato a casa anche l’anno scorso, ed è impressionante, sebbene non raggiunga il record assoluto di 12 che Il Trono di Spade ha realizzato nel 2015 con la quinta stagione.

Oltre ai Creative Art Emmys, hanno vinto Miglior Serie Drammatica e Miglior Attore Non Protagonista in una serie drammatica, con il solito Peter Dinklage (a dimostrazione che i Lannister pagano sempre i propri debiti, e sanno recitare).

emmy trono di spade

HBO trionfa nei drammi (e Barry), Amazon Prime nelle commedie

HBO, oltre a tutti i soliti premi per il Trono, ha portato a casa un buon numero di statuette agli Emmy 2019 (come sempre negli ultimi anni). La miniserie Chernobyl ha avuto il successo che si meritava (anche se io speravo in un premio per Jared Harris). Succession è stata premiata per l’ottima sceneggiatura di Jesse Armstrong, e Barry ha vinto Miglior Attore in una serie commedia con Bill Hader.

Amazon ha raccolto un enorme successo agli Emmy 2019 con le sue serie trainate da protagoniste e scrittrici donne. The Marvelous Mrs. Maisel ha vinto un sacco, e c’era da aspettarselo: la serie ha raccolto anche l’anno scorso un sacco di Emmy e Golden Globe. Ma la sorpresa è stata Fleabag, serie che vi avevamo già consigliato, scritta ed interpretata dalla fenomenale Phoebe Waller-Bridge, che ha vinto come miglior Commedia, Attrice in una commedia e Sceneggiatura in una commedia.

fleabag-emmys-win-2019

Meno vincente del solito Netlflix, seppur abbia vinto con When They See Us Ozark, e per il film evento Bandersnatch.

Ecco la lista dei vincitori degli Emmy 2019, che sono scritti per primi e in grassetto.

Vincitori Emmy 2019

Miglior Serie Drammatica:

  • Game of Thrones
  • Better Call Saul
  • Bodyguard
  • Killing Eve
  • Ozark
  • Pose
  • Succession
  • This is Us

Miglior Serie Commedia:

  • Fleabag
  • Barry
  • The Good Place
  • The Marvelous Mrs. Maisel
  • Russian Doll
  • Schitt’s Creek
  • Veep

Miglior Attore Protagonista in una serie drammatica

  • Billy Porter, Pose
  • Jason Bateman, Ozark
  • Sterling K. Brown, This is Us
  • Kit Harington, Game of Thrones
  • Bob Odenkirk, Better Call Saul
  • Milo Ventimiglia, This is Us

Miglior Attrice Protagonista in una serie drammatica

  • Jodie Comer, Killing Eve
  • Emilia Clarke, Game of Thrones
  • Viola Davis, How to get away with murder
  • Laura Linney, Ozark
  • Mandy Moore, This is Us
  • Sandra Oh, Killing Eve
  • Robin Wright, House of Cards

Miglior Attore Non Protagonista in una serie drammatica

  • Peter Dinklage, Game of Thrones
  • Jonathan Banks, Better Call Saul
  • Giancarlo Esposito, Better Call Saul
  • Alfie Allen, Game of Thrones
  • Nikolaj Coster-Waldau, Game of Thrones
  • Michael Kelly, House of Cards
  • Chris Sullivan, This is Us

Miglior Attrice Non Protagonista in una serie drammatica

  • Julia Garner, Ozark
  • Gwendoline Christie, Game of Thrones
  • Lena Headey, Game of Thrones
  • Sophie Turner, Game of Thrones
  • Maisie Williams, Game of Thrones
  • Fiona Shaw, Killing Eve

Miglior Regia in una serie drammatica

  • Ozark — “Reparations,” Jason Bateman
  • Game Of Thrones — “The Iron Throne,” David Benioff and D.B. Weiss
  • Game Of Thrones — “The Last Of The Starks,” David Nutter
  • Game Of Thrones — “The Long Night” Miguel Sapochnik
  • The Handmaid’s Tale — “Holly,” Daina Reid
  • Killing Eve — “Desperate Times,” Lisa Brühlmann
  • Succession — “Celebration,” Adam McKay

Miglior Sceneggiatura in una serie drammatica

  • Succession — “Nobody Is Ever Missing,” Jesse Armstrong
  • Better Call Saul — “Winner,” Peter Gould and Thomas Schnauz
  • Bodyguard — “Episode 1,” Jed Mercurio
  • Game Of Thrones — “The Iron Throne,” David Benioff and D.B. Weiss
  • The Handmaid’s Tale — “Holly,” Bruce Miller and Kira Snyder
  • Killing Eve — “Nice And Neat,” Emerald Fennell

Miglior Attore Protagonista in una Serie Commedia

  • Bill Hader, Barry
  • Anthony Anderson, Black-ish
  • Don Cheadle, Black Monday
  • Ted Danson, The Good Place
  • Michael Douglas, The Kominsky Method
  • Eugene Levy, Schitt’s Creek

Miglior Attrice Protagonista in una serie Commedia

  • Phoebe Waller-Bridge, Fleabag
  • Christina Applegate, Dead To Me
  • Rachel Brosnahan, The Marvelous Mrs. Maisel
  • Julia Louis-Dreyfus, Veep
  • Natasha Lyonne, Russian Doll
  • Catherine O’Hara, Schitt’s Creek

Miglior Attore Non Protagonista in una serie commedia

  • Tony Shalhoub, The Marvelous Mrs. Maisel
  • Stephen Root, Barry
  • Henry Winkler, Barry
  • Anthony Carrigan, Barry
  • Alan Arkin, The Kominsky Method
  • Tony Hale, Veep

Miglior Attrice Non Protagonista in una serie commedia

  • Alex Borstein, The Marvelous Mrs. Maisel
  • Sarah Goldberg, Barry
  • Sian Clifford, Fleabag
  • Olivia Colman, Fleabag
  • Betty Gilpin, GLOW
  • Kate McKinnon, Saturday Night Live
  • Marin Hinkle, The Marvelous Mrs. Maisel
  • Anna Chlumsky, Veep

Miglior Regia in una serie commedia

Fleabag — “Episode 1,” Harry Bradbeer

  • Barry — “The Audition,” Alec Berg
  • Barry — “ronny/lily,” Bill Hader
  • The Big Bang Theory — “The Stockholm Syndrome,” Mark Cendrowski
  • The Marvelous Mrs. Maisel — “All Alone,” Amy Sherman-Palladino
  • The Marvelous Mrs. Maisel — “We’re Going To The Catskills!” Daniel Palladino

Miglior Sceneggiatura in una serie commedia

  • Fleabag — “Episode 1,” Phoebe Waller-Bridge
  • Barry — “ronny/lily,” Alec Berg and Bill Hader
  • The Good Place — “Janet(s),” Josh Siegal and Dylan Morgan
  • PEN15 — “Anna Ishii-Peters,” Maya Erskine and Anna Konkle
  • Russian Doll — “Nothing In This World Is Easy,” Leslye Headland, Natasha Lyonne and Amy Poehler
  • Russian Doll — “A Warm Body,” Allison Silverman
  • Veep — “Veep,” David Mandel

Miglior Film per la TV

  • Bandersnatch
  • Brexit
  • Deadwood
  • King Lear
  • My Dinner with Hervé

Miglior Miniserie

  • Chernobyl
  • Escape at Dannemora
  • Fosse/Verdon
  • Sharp Objects
  • When They See Us

Miglior Attore in una Miniserie o Film per la TV

  • Jharrel Jerome, When They See Us
  • Mahershala Ali, True Detective
  • Benicio Del Toro, Escape at Dannemora
  • Hugh Grant, A Very English Scandal
  • Jared Harris, Chernobyl
  • Sam Rockwell, Fosse/Verdon

Miglior Attrice in una Miniserie o Film per la TV

  • Michelle Williams, Fosse/Verdon
  • Amy Adams, Sharp Objects
  • Patricia Arquette, Escape at Dannemora
  • Aunjanue Ellis, When They See us
  • Joey King, The Act
  • Niecy Nash, When They See Us

Miglior Attore in una Miniserie o Film per la TV

  • Ben Whishaw, A Very English Scandal
  • Stellan Skarsgard, Chernobyl
  • Paul Dano, Escape at Dannemora
  • John Leguizamo, When They See Us
  • Michael K. Williams, When They See Us
  • Asante Blackk, When They See Us

Miglior Attrice in una Miniserie o Film per la TV

  • Patricia Arquett, The Act
  • Emily Watson, Chernobyl
  • Margaret Qualley, Fosse/Verdon
  • Patricia Clarkson, Sharp Objects
  • Marsha Stephanie Blake, When They See Us
  • Vera Farmiga, When They See Us

Miglior Regia in una Miniserie, Film per la TV o Speciale Drammatico

  • Chernobyl, Johan Renck
  • Escape At Dannemora, Ben Stiller
  • Fosse/Verdon , “Glory,” Jessica Yu
  • Fosse/Verdon, “Who’s Got The Pain,” Thomas Kail
  • A Very English Scandal, Stephen Frears
  • When They See Us, Ava DuVernay

Miglior Sceneggiatura in una Miniserie, Film per la TV o Speciale Drammatico

  • Chernobyl, Craig Mazin
  • Escape At Dannemora, “Episode 6,” Brett Johnson, Michael Tolkin and Jerry Stahl
  • Escape At Dannemora, “Episode 7,” Brett Johnson and Michael Tolkin
  • Fosse/Verdon, “Providence,”Steven Levenson and Joey Fields
  • A Very English Scandal, Russell T. Davies
  • When They See Us, “Part Four,” Ava DuVernay and Michael Starrbury

Miglior Reality Show

  • RuPaul’s Drag Race
  • Amazing Race
  • American Ninja Warrior
  • Nailed It
  • Top Chef
  • The Voice

Miglior Talk Show

  • Last Week Tonight With John Oliver
  • The Daily Show
  • Full Frontal
  • Jimmy Kimmel Live!
  • The Late Late Show With James Corden
  • The Late Show With Stephen Colbert

Miglior serie Sketch

  • Saturday Night Live
  • At Home With Amy Sedaris
  • Documentary Now!
  • Drunk History
  • I Love You, America With Sarah Silverman
  • Who Is America?

Miglior Regia in una serie Varietà (Talk o Sketch)

  • Documentary Now! — “Waiting For The Artist,” Alex Buono and Rhys Thomas
  • Drunk History — “Are You Afraid Of The Drunk?” Derek Waters
  • Last Week Tonight With John Oliver — “Psychics,” Paul Pennolino
  • The Late Show With Stephen Colbert — “Live Midterm Election Show,” Jim Hoskinson
  • Saturday Night Live — “Host : Adam Sandler,” Don Roy King
  • Who Is America? — “Episode 102,” Sacha Baron Cohen, Nathan Fielder, Daniel Gray Longino and Dan Mazer

Miglior Sceneggiatura in una serie Varietà (Talk o Sketch)

  • Documentary Now!
  • Full Frontal With Samantha Bee
  • Last Week Tonight With John Oliver
  • Late Night With Seth Meyers
  • The Late Show With Stephen Colbert
  • Saturday Night Live

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
15 Ottobre 2019
Tutti gli annunci dall’evento Pixel 2019 di Google
Leggi
Image
15 Ottobre 2019
Bug di Apple Mail causa perdita di dati in macOS Catalina
Leggi
Image
14 Ottobre 2019
El Camino: il film di Breaking Bad, recensione senza spoiler
Leggi