Disney+: così Topolino sfida Netflix

background

Il guanto della sfida è stato ufficialmente lanciato. Topolino ora è pronto, a mani nude, ad affrontare Netflix, Prime Video e Sky. Entro la fine dell’anno prossimo, Disney+ sarà disponibile in tutto il mondo, creando una piattaforma di streaming online, che raccoglierà tutti i prodotti dell’azienda fondata da Wlat Disney.

Disney sta diventando il più grande conglomerato per cinema e tv

Se ne parlava in maniera vaga già da qualche anno, e non molto tempo fa vi avevamo anticipato che l’annuncio ufficiale stava per arrivare. Disney è pronta a lanciarsi nel mercato delle piattaforme per lo streaming, mercato che in costante crescita anche nel nostro Paese.

L’azienda di Topolino ha avuto un anno fiscale particolarmente buono nel 2018, grazie all’enorme successo dei film Marvel (quest’anno di particolare qualità: Black Panther e Avengers Infinity War verranno proposti per mezzo milione di miliardi di Oscar) e dei cartoni animati Pixar, con gli Incredibili 2 che ha sfondato abbondantemente il miliardo di dollari al box office. E a seguito degli ultimi anni, pieni di acquisizioni importanti, come quella della Lucas Film, sembra che l’azienda non sbagli un colpo sul mercato.

MCU Disney+

Nel prossimo anno, Disney completerà quasi certamente l’acquisizione di 21th Century Fox, sempre che l’Antitrust non crei problemi. Molto probabilmente, la piattaforma di streaming americana Hulu è la prossima sulla lista di quel cannibale di Topolino.

Disney+ avrà un offerta di film e serie tv incredibile

Con tutte le società che ha acquisito negli anni, l’azienda, un tempo nota solo per i cartoni animati, potrà offrire un’offerta di show da far girare la testa. I tempi spensierati, in cui Topolino poteva navigare tranquillo sul fiume sono finiti, ora controlla il più grande impero multimediale di sempre.

 

Mickey mouse boat disney+

Se già non bastassero tutti i migliori cartoni animati, che mi hanno fatto innamorare del cinema da bambino (per me sono soprattutto il Re Leone e Aladdin, ma ognuno di voi sicuramente avrai i suoi preferiti), su Disney+ si potranno vedere tutti i film, cartoni animati e serie tv di Star Wars. E se non fossero sufficienti quelli vecchi, ne arriveranno di nuove. Arriveranno tutti film degli Avengers (se non mi sbaglio, Captain Marvel dovrebbe essere il trecentoquarantaseiesimo della fase diciassette). Ed anche qui, dovrebbero arrivare per il nuovo servizio di streaming Disney+ anche una serie originale su Loki e Scarlett Witch. Senza contare tutti i classici moderni della Pixar (che nel primo decennio del 2000 è stata meglio della Disney stessa), le serie prodotte dall’ABC (Once upon a time) e dalla  neo-acquisita FOX (che possano arrivare anche Simpsons e Griffin?).

Pixar Disney+

Disney+ riuscirà a fare concorrenza a Netflix?

Che si scatenerà una sana (?!) competizione, fra Netflix e Disney+, è scontato. L’azienda di cui Topolino è il CEO (mi pare) ha già iniziato a ritirare alcuni suoi show dalla piattaforma di Netflix, oppure ha già programmato il ritiro durante l’anno prossimo. Ma Netflix non sembra essere troppo spaventata da questa scelta: già oggi, i migliori prodotti che offrono sono degli Originals prodotti da loro, e visto quanto investiranno nel futuro in produzioni proprie, sembra che la mancanza dei prodotti Disney non la sentiranno.

DISNEY-NETFLIX

(grafica da theredheadsdiaries.it)

Fatto sta, che a Disney+ non basterà solo offrire una buona raccolta dei suoi film per sopravvivere. Il mercato si sta facendo sempre più competitivo. In particolare, Amazon con Prime Video offre non solo una buona offerta di film, ma lo fa ad un prezzo molto più basso dei competitor, offrendo anche lo streaming musicale, gli e-book gratis e le spedizioni gratis sul suo sito di e-commerce. Netflix offre prodotti di qualità, ma soprattutto ha una semplicità d’uso invidiabile. E Sky? Disney+ assorbirà tutto l’on demand dell’azienda, lasciando a Sky solo calcio e sport?

Inoltre, resta da capire che tipo di servizio vorrà dare Disney+. Se si limiterà a mostrare i film della Marvel e i cartoni animati, potrebbe essere divertente, ma non certo capace di fare strage di nomination agli Emmy, come invece fa Netflix. Ma se dovesse dare un servizio più “adulto”, creando altre serie originali di qualità, potrebbe davvero diventare inarrestabile.

Come e quando arriverà in Italia?

Disney+ sarà online negli Stati Uniti alla fine del 2019. Ma quando arriverà nel nostro Paese? Rispondere non è banale. E come è successo per Netflix, potremmo dover aspettare a lungo. Dopotutto, non si tratta solo di tradurre un app. I diritti dei prodotti di Disney sono spalmati su un sacco di piattaforme diverse in Italia. I film della Marvel sono su Netflix, ma alcuni degli ultimi sono invece in esclusiva su Sky. La trilogia originale di Star Wars è nelle mani di Mediaset, ma gli ultimi sono su Netflix (della Minaccia Fantasma non frega niente a nessuno).

Per trovare la quadra, saranno necessari un sacco di avvocati, che non saranno un problema per Disney, e un sacco di tempo. Senza contare che, sebbene il mercato dello streaming stia crescendo moltissimo, il nostro Paese è più lento a recepire le nuove piattaforme. E a spendere soldi per averle, visto anche quante saranno: se volete Sky per vedere il campionato, Netflix per Rick & Morty e Disney+ per rivedere Spiderman morire (oops, spoiler), toccherà sborsare parecchio al mese. Senza contare che, con un’altra piattaforma streaming, il rischio di diventare dipendenti dal binge watching sarà ancora maggiore.

Io non sono sicuro di essere pronto per Disney+. Ma se voi invece siete emozionati per l’arrivo della piattaforma di streaming, tenente d’occhio il sito ufficiale per ogni nuova novità.

Cosa ne pensate? Scrivetecelo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
9 Settembre 2020
Google Maps torna su Apple Watch dopo tre anni dall’abbandono
Leggi
Image
21 Luglio 2020
Snapchat lancia le sue mini app
Leggi
Image
10 Luglio 2020
Spotify, e altre app iOS bloccate a causa di un problema di Facebook
Leggi