background

Apple MacBook Pro 16 // Recensione

20 Febbraio 2020 in News Recensioni

Apple ha rinnovato il suo laptop top di gamma senza rivoluzionarlo. Il MacBook Pro 16 ha la diagonale dello schermo più lunga di un pollice, un miglior sistema di raffreddamento, e soprattutto ha una tastiera che torna alle origini, rinunciando alla tanto dibattuta (anche agli Oscar) tastiera “butterfly”.

(Se state cercando il laptop che fa per voi, vi consiglio di dare anche un’occhiata ai dispositivi con Windows 10 che pensiamo siano i migliori laptop 2019, e di iscrivervi al nostro canale Telegram per vedere tutte le migliori offerte).

Il MacBook Pro 16 è il miglior laptop di Apple?

Il modello che stiamo recensendo è l’aggiornamento al MacBook Pro 15, un laptop tanto contestato per la sua tastiera da far dimenticare che Apple sa produrre ottimi computer. E come ci ha abituato negli ultimi anni il costruttore americano, questo aggiornamento non è particolarmente rivoluzionario: l’unico vero cambiamento netto è nella tastiera, appunto.

Ma il fatto che non sia rivoluzionario non significa che non sia ottimo: lo schermo è incredibile, le prestazioni ottime e la batteria molto buona.

Apple MacBook Pro 16

Se vi serve molta potenza grafica, il Pro 16 è il miglior portatile Apple in circolazione. Ma mettendo sul piatto della bilancia anche il prezzo, continuiamo a preferirgli il MacBook Pro 13. Andiamo tuttavia a vedere nel dettaglio.

Lo schermo

Il display Retina da 16 pollici è un pannello IPS con risoluzione da 3072 x 1920 pixels, con una densità di 226 PPI. Sulla carta, queste non sono le migliori specs in circolazione. Tuttavia, vedendolo acceso non noterete troppe differenze con il Dell XPS 15, ad esempio: entrambi i laptop hanno schermi da urlo.

Apple vanta una luminosità di 500 candele al metro quadro, anche se dai test risulta che sia più verosimilmente 477 sull’intero schermo. In ogni caso è migliore della maggior parte della concorrenza: potrete continuare a guardare lo schermo anche se vi trovaste sulla superficie del Sole.

Il bilanciamento dei colori è ottimo, il flickering anche. La velocità di risposta però non è alta abbastanza per i videogiocatori più esigenti, che dovrebbero quindi cercare un laptop pensato appositamente per giocare.

Ma il consiglio nostro è di provare ad entrare nella prima Mediaworld (o Uniero, o quello che avete vicino a casa) la prossima volta che andate al centro commerciale e dare un’occhiata: è uno schermo davvero impressionante.

macbook pro 16 schermo

Il motore sotto la scocca

Apple offre due versioni del suo MacBook Pro 16. La prima ha un processore Intel Core i7 di nona generazione, con 6 core da 2,6 GHz, ed una scheda grafica AMD Radeon 5300M con 4 GB di memoria GDDR6. La seconda ha un processore i9 da 8 core da 2,3 GHz, con una Radeon 5500M, anch’essa con 4 GB di GDDR6. La prima versione ha 512 GB di SSD, la seconda un tera. Entrambe hanno 16 GB di memoria.

Per chi volesse approfondire nel dettaglio l’analisi delle prestazioni, vi rimandiamo ai test dettagliati di Notebookcheck.

Per chi invece vuole il riassunto dei vari test, la versione super-sintetica è: molto meglio del Pro 15. La versione un po’ più approfondita è che Apple ha appaiato degli ottimi processori con un sistema di raffreddamento ripensato al meglio, che permette di surclassare il suo predecessore con facilità.

Le prestazioni della GPU, specie nella versione con l’i9, sono ottime, rendendo qualsiasi modifica grafica una passeggiata (a meno che non vi avventuriate nell’ambito dei video 3D, VR e compagnia bella: per quello non c’è nessuno laptop che faccia al caso vostro).

Sebbene lo schermo non sia rapidissimo, la GPU supporta la maggior parte dei giochi in 1080p su High. Macintosh però non fa un ottimo lavoro in questo caso, tanto che se siete seri riguardo al gaming, vi consiglieremmo di installare Windows 10 anche sul Mac (oppure comprare un laptop specializzato).

Le emissioni sono ottime dal punto di vista del sonoro, ma se stressato il MacBook Pro 16 tende a scaldarsi. Tuttavia, ci vuole parecchio per stressarlo.

La batteria dura almeno 12 ore, con un uso medio. Il risultato è ottimo, considerando il processore potente. Non è il migliore sul mercato, ma ci si avvicina.

Tastiera, trackpad e TouchBar

La tastiera del MacBook Pro 16 è tornata alle origini, con un meccanismo a forbice che i Mac non usavano dal 2015. E siamo contentissimi che l’abbiano fatto. Sebbene già la riedizione della “butterfly” di Pro 13 fosse sufficientemente silenziosa e avesse abbastanza corsa, con il Pro 16 finalmente vediamo una tastiera che è buona quanto il laptop su cui è montata. So di aver parlato troppo di questa tastiera, ma scrivo molto e ritengo che la tastiera sia l’unica parte imprescindibile di un buon computer: preferisco un PC che si carichi in tre ore ad uno rapido ma con i tasti con poca corsa. I tasti di MacBook Pro 16 sono forse un po’ piccoli, ma l’esperienza in generale è ottima.

macbook pro 16 tastiera e touchbar

La Touch Bar è stata ridisegnata, più sottile ed elegante, ora che sembra solo un’ulteriore fila di tasti. Io personalmente non sono un grande fan, però apprezzo che Apple abbia lasciato i tasti d’accensione ed esc dedicati. Il tasto d’accensione serve anche come Touch ID per l’autenticazione biometrica.

Infine, Apple dimostra ancora una volta che la cosa che sa far meglio di chiunque altro sono i trackpad. Enorme, con un ottimo feedback tattico, le gestures sono comodissime e molto intuitive (anche per chi, come me, è abituato ad usare Windows).

Connettività

Lato destro

Lato destro

Lato sinistro

Lato sinistro      (Immagine cortesia di Notebookcheck)

I Mac non sono famosi per la varietà delle porte, e il Pro 16 non è diverso. Fortunatamente, le porte che ci sono sono delle USB-C con Thunderbolt 3, che potrete usare per trasferimenti rapidissimi, come porta per un display esterno e ovviamente per la ricarica. Vi toccherà probabilmente comprare un po’ di adattatori, però.

Fortunatamente, sul lato destro troviamo anche un cavo jack, di cui rimaniamo fan sfegatati.

Purtroppo Apple non si è fidata di inserire un’antenna per il WiFi 6, sicuramente più futuribile. Tuttavia, noi non abbiamo avuto particolari problemi con la connessione.

Prezzo

Il modello con l’i7 costa 2496,58 € su Amazon, mentre quello con l’i9 costa 2916,89 €. I 420 € di differenza rispecchiano le differenze di costo dei processori e del SSD, e vale la pena spenderli se cercate le migliori prestazioni possibili su un portatile così sottile. Chiunque non faccia grafica intensamente si troverà benissimo anche con il modello i7.

Alternative

Il Pro 16 è un ottimo prodotto, su questo non ci piove. Se non fate grafica intensamente, però, il MacBook Pro 13 vi permette di restare ben al di sotto dei 2000 euro, garantendo prestazioni ottime (pur avendo una tastiera sub-ottimale). Se invece vi serve più potenza grafica, o abbandonate macOS, oppure spendete 62mila euro per il Mac Pro.

Se non siete dei veri “mac loverz”, il Dell XPS 13 è il nostro laptop generalista preferito, e se volete lo schermo in 4k come per il Pro 16, potreste prendere la versione da 15 pollici. Per fare grafica in mobilità, noi siamo ancora innamorati del Surface Book 2, anche se è un po’ vecchiotto. Se avete tempo di aspettare, quest’anno uscirà nuova versione.

Scheda Tecnica

  • Processore: Intel Core i7 6‑core a 2,6GHz (Turbo Boost fino a 4,5GHz) o Intel Core i9 8‑core a 2,3GHz (Turbo Boost fino a 4,8GHz)
  • GPU: AMD Radeon Pro 5300M o AMD Radeon Pro 5500M, con 4GB di memoria GDDR6
  • RAM: 16GB di memoria DDR4 a 2666MHz su scheda
  • Schermo: Display retroilluminato LED da 16″ (diagonale) con tecnologia IPS; risoluzione nativa 3072×1920 a 226 pixel per pollice; Luminosità 500 nit
  • Memoria interna: 512 GB o 1 TB di memoria SSD
  • Porte: 4 x UBS Type-C Thunderbolt 3, jack audio, TouchID
  • Dimensioni: 357,9 x 245,9 x 16,2 mm
  • Peso: 2 kg
  • Altro: Touchbar

Questo articolo contiene link di affiliazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
27 Marzo 2020
Artisti ascoltate: Final Cut Pro e Logic Pro X in prova gratuita per 90 giorni
Leggi
Image
24 Marzo 2020
Neanche il lockdown globale è sufficiente per iscriversi ad Apple TV+
Leggi
Image
24 Marzo 2020
Disney+ è finalmente arrivato: come scaricarlo e cosa guardare
Leggi