background

Amazon lancerà il suo servizio di cloud gaming nel 2020

21 Novembre 2019 in News

Google Stadia ha debuttato il 19 Novembre (anche se con qualche incertezza), Sony ha cambiato i prezzi PlayStation Now e Microsoft lancerà xCloud l’anno prossimo. Le Streaming Wars per il cloud gaming stanno per iniziare, e Amazon non vuole tirarsi indietro, almeno secondo le fonti di CNET.

amazon cloud gaming

(Grafica da TecnoAndroid)

La notizia circolava in forma di rumor da un po’. Amazon sta assumendo nel AWS (Amazon Web Services) persone per una “nuova iniziativa gaming” (l’annuncio è stato trovato dal team di TheVerge. E quelli di CNET avrebbero trovato un altro posto di lavoro per integrare Twitch, la piattaforma per lo streaming video sul gaming, con il nuovo servizio.

Sebbene sia difficile vedere Amazon come un’azienda che produce videogiochi o piattaforme per videogiochi, sembra evidente che Bezos non voglia perdere una partita sul cloud. Gli AWS sono alla base di una percentuale non indifferente dell’intero World Wide Web, fornendo l’infrastruttura per una parte considerevole del traffico cloud totale. Ad esempio, sono di Amazon i server che permetto a 200 milioni di videogiocatori di stare su Fortnite.

Ed il fatto che Twitch sia proprietà di Amazon, oltre che a ricordarci che la gran parte di Internet è in mano alle stesse aziende, significa che avrebbero già pronta la perfetta integrazione coi social.

Amazon può competere nelle Streaming Wars, versione cloud gaming?

Con Google, Microsoft e Sony come rivali, Amazon trova una platea di rivali niente male. Ma se dovesse comportarsi come con tutti gli altri suoi servizi, avrebbe un vantaggio essenziale: il prezzo. Amazon non è celebre per l’ottima fattura dei propri prodotti, ma ha sempre saputo dimostrarsi competitiva sul prezzo. E se offrisse un servizio “a là Netflix”, come fa PlayStation Now, ma con qualche titolo accattivante in più, potrebbe recuperare velocemente terreno.

Il problema, per gli utenti, potrebbe essere lo stesso dello Streaming Wars della TV: sarà necessario fare più di un abbonamento per poter avere tutti i giochi esclusivi. Ma la competizione fra le aziende potrebbe abbassare i prezzi, o portare allo sviluppo di giochi di alta qualità. Resteremo a vedere, incrociando le dita sopra i controller.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altri articoli recenti

Image
9 Dicembre 2019
Con Snapchat Cameos potrai inserire un tuo selfie nelle GIF
Leggi
Image
9 Dicembre 2019
Nuovi trailer: Black Widow, No Time to Die, Mulan e altro
Leggi
Image
6 Dicembre 2019
Spotify batte Apple al suo stesso gioco con la sua funzione 2019 in musica
Leggi